SICUREZZA

Un buon modello di sicurezza è quello che sa mantenere il rispetto delle regole e la legalità, per far sì che questo avvenga occorre che le Forze dell'Ordine siano impiegate nei loro compiti specifici: la prevenzione e la repressione dei crimini. 

Bisogna riorganizzare i vari corpi deputati alla sicurezza, definendo in modo più chiaro le competenze e migliorando le modalità con cui è più utile ed efficace intervenire. 

 La Polizia Locale deve tornare a svolgere i compiti preposti. 


PROPOSTE

- Promuovere l'accorpamento dei 17 commissariati di Polizia presenti sul territorio, prevedendone uno per ognuno dei nove Municipi in cui è organizzata la città. 
Centinaia di poliziotti saranno così recuperati e destinati alle attività operative d'investigazione e pattugliamento del territorio

- Rivedere e potenziare le modalità operative della centrale unica di contatto, ovvero il centro di smistamento degli interventi e delle emergenze, per rendere davvero efficiente il coordinamento interforze, eliminando l'inutile passaggio intermedio tra Forze dell'Ordine e cittadini che allunga i tempi di reazione e di intervento;

- A differenza di quanto annunciato e mai realizzato dall'Amministrazione Sala, mettere in rete le telecamere cittadine, pubbliche e private, con il dovuto rispetto della privacy, e coordinare il monitoraggio complessivo all'interno della centrale unica di contatto; 

- Creare all'interno dei nove Municipi dei tavoli interforze (Vigili urbani, Polizia di Stato, Carabinieri, Finanza, Esercito) con la partecipazione del Presidente di Municipio, che sappiano dare indicazioni sulle aree da pattugliare con più attenzione e sulle azioni più urgenti da intraprendere;

- Riattivare il "Ghisa di quartiere" per una presenza immediatamente tangibile dal Cittadino, utile nel cambio di approccio nel rapporto con le Forze dell'Ordine che porti a identificare le persone addette alla sicurezza come un punto di riferimento sicuro e presente su tutto il territorio;

- Nei parchi cittadini delinquenti e spacciatori agiscono indisturbati, di fatto allontanando i bambini dagli spazi gioco occupati da balordi e i cittadini perbene che cercano relax.
Nei weekend e d'estate i parchi sono frequentati da gruppi di persone che organizzano barbecue e grandi bevute che spesso degenerano in risse: esiste un regolamento del verde, andrebbe fatto rispettare.
Attivare progetti di cooperazione con le associazioni di Forze dell'Ordine in quiescenza e di associazioni di volontariato (ad esempio i City Angels) per coadiuvare la Polizia Locale nei pattugliamenti dei parchi pubblici e dei luoghi della movida.
Delimitare le aree gioco con recinti alti in ferro e posizionare telecamere di video sorveglianza;

- Servizio di presidio e di controllo serale nei luoghi della movida;

- Attivare corsi di autodifesa per il personale viaggiante e di stazione di ATM;

- Combattere con fermezza il degrado urbano e le trasgressioni minori. 

Alessandro De Chirico

ALESSANDRO DE CHIRICO

ELEZIONI COMUNALI MILANO 2021

Menu