COMMERCIO

La crisi si è fatta sentire anche a Milano, portando alla chiusura di tanti negozi ed esercizi commerciali. Bisogna ricominciare a detassare il commercio per rivitalizzare le strade e l'economia della città, lottando soprattutto contro l'abusivismo, che danneggia gli esercenti che pagano regolarmente le tasse. 


PROPOSTE

- Semplificare il set dei regolamenti, evitando vessazioni nei confronti dei commercianti

- Contrastare le irregolarità controllando maggiormente i mercati e le metropolitane dove solitamente i commercianti abusivi sono più localizzati

- Con la riqualificazione appena avviata, ai mercati generali (di proprietà della SOGEMI, società partecipata al 100% dal Comune di Milano) deve essere attribuito un ruolo centrale nel portare avanti il lascito di Expo in fatto di cultura alimentare.
Oltre al marchio di Foody, vanno stipulati accordi con le università affinché i mercati generali diventino un polo per il benessere;

- L'Albero della Vita (ora collocato a Rho, nel quartiere MIND) rischia di essere dimenticato dai milanesi. Un simbolo così importante per tutto quello che ha significato per la città deve essere ricollocato a Milano. 
In ottica di nuovo ruolo per i mercati generali, l'Albero della Vita deve essere spostato presso l'area di via Lombroso; 

- Immagine coordinata dei mercatini temporanei ubicati in zona centrale;

- Incentivi comunali per la sostituzione dei mezzi di trasporto commerciali di proprietà degli ambulanti; 

- Individuare nuove aree meno sacrificate e più ampie dove dislocare i mercati rionali all'aperto (ad esempio piazza Gino Valle, piazzale dello Sport, piazza Sempione, etc).

Alessandro De Chirico

ALESSANDRO DE CHIRICO

ELEZIONI COMUNALI MILANO 2021

Menu