Lavoro e case, la protesta finisce col lancio di uova

Lavoro e case, la protesta finisce col lancio di uova

A forza di essere permissivi e buonisti si finisce a prendere le uova in faccia. È ciò che è accaduto ieri sera al braccio sinistro del sindaco Pisapia, il “maestro” Paolo Limonta. L’episodio è ovviamente da condannare, ma servirà a far capire a chi ci amministra che il vecchio adagio popolare “Dai il dito e ti prendono il braccio” è verissimo. L’amministrazione Pisapia, dal suo insediamento, ha sempre avuto un occhio di riguardo verso i centri sociali e la realtà anarchica e antagonista di Milano. Occupazioni di palazzine mai condannate. Manifestazioni non autorizzate. Grigliate in piazza della Scala. Cortei che hanno devastato il centro cittadino. Irruzioni e devastazioni di sedi di partito. Nessuno ha mai preso le distanze da certi violenti personaggi. Il risultato è davanti agli occhi di tutti e ci prepariamo alla prima della Scala…

 

http://www.ilgiornale.it/news/milano/lavoro-e-case-protesta-finisce-comune-1072870.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *